Assaporando le Marche

La cucina delle Marche ha i profumi del mare e del bosco, dal pesce dell’Adriatico a funghi e tartufi dell’Appennino, cacciagione e ottimi vini.

Non ci resta che percorrerla insieme alla scoperta di alcune delle sue eccellenze.

Perla del Rinascimento italiano e patrimonio UNESCO, Urbino è meta ideale per gite fuori porta e degustazioni.
Scegliete un punto panoramico e assaporate un calice di vino, insieme ai generosi taglieri con Casciotta d'Urbino, Pecorino di Fossa e soprattutto affettati, Prosciutto di Carpegna, Lonzino di maiale, Coppa di testa marchigiana e Ciauscolo, salame cremoso tipico di Ancona, Macerata e Ascoli Piceno.

In alternativa alla carne, Crescia sa le Foje, impasto di farina farcito con erbe di campo, cicoria, spinaci, tarassaco saltati in padella con aglio e peperoncino, e Crescia di formaggio, dove l’impasto si arricchisce di pecorino e parmigiano.
Da Ancona a Macerata, fino a Fabriano, potrete gustare i Vincisgrassi, una sorta di lasagna a sette o più strati, con Sugo di pomodoro e Gregiji, fegatini di pollo e interiora.

In campagna si mangiano i Tajolì (tagliatelle fatte a mano) con il ragù d’oca, Pasta al Sacco e Maccheroni del Batte con sugo di carne e interiora. Carne di maiale alla brace, coniglio in porchetta e Fava ‘ngreccia, un contorno di fave con capperi, alici e prezzemolo. Verso gli Appennini la cucina si fa più ricca e sapida, con i frutti del bosco e la caccia, pietanze a base di funghi e tartufi, lepre e cinghiale.

Lungo il litorale da Pesaro a San Benedetto del Tronto, trionfa la cucina di mare con il pescato fresco dell’Adriatico, il Mosciolo selvatico di Portonovo, i Lumachini di mare e il Brodetto di pesce, che potrete apprezzare in diverse varianti a seconda della località.
Preparate lo stomaco per l’ultima tappa, a sud della regione, dove potrete gustare Coratella di agnello con le uova, Olive all’Ascolana e una serie di pietanze, rigorosamente fritte!

Su una tavola così importante non possono mancare vini eccellenti. Verdicchio dei Castelli di Jesi, Bianchello del Metauro, Passerina e Falerio, Pecorino dei Colli Maceratesi e di Offida, Rosso Conero, Rosso Piceno e Lacrima di Morro d’Alba. Infine un vino molto speciale che troverete soltanto qui, il Vì de Visciola, preparato con una varietà di ciliegie amare.

Cin Cin! E alla prossima regione!


#ViagginelGusto #DeRica #viaggioinitalia #RicetteDeRica