Veneto in cucina, tra terra e cielo

Dalle Dolomiti all’Adriatico, tra pianure disegnate da colline e corsi d’acqua, il Veneto offre un ventaglio ampio di sapori.

In Veneto potete assaporare la cucina contadina, ricca di piatti di recupero, preparati con pane raffermo ammollato e avanzi di maiale (di cui davvero non si butta via nulla!). Ovunque potrete gustare Pasta e Fasoi, Bigoli, Risotti e Minestre, Arrosti, Pesce di mare e di lago e - classico dei classici - Poenta e Tocio, sugo e polenta gialla di mais Marano o Biancoperla di Treviso.

A Venezia si respira “aria de freschin”, profumo di pesce e piatti ricchi di spezie, portate dall’Oriente da Marco Polo, e un tempo usate per la conservazione degli alimenti. Pepe, cannella, chiodi di garofano… cuciono insieme le ricette di tutta la regione, insieme all’uvetta che, con la cipolla, la fa da padrona nelle celeberrime Sarde in Saor.

Tra i colli Berici e gli Euganei, nella terra del Petrarca, oche, capponi e galline padovane dal gran ciuffo finiscono nel piatto! A Vicenza si mangia Baccalà con la poenta e “Sparasi con i ovi”, uova e Asparagi di Bassano del Grappa, una varietà speciale tipica delle campagne del Brenta, che oggi si trova in cima alla lista di colture che nel 2030 saranno portate su Marte.

Verona è terra di risotti - preparati con il Riso di Isola della Scala - e del Pandoro, il Pan de Oro che, nell’Ottocento, era servito sulla tavola dei ricchi veneziani. Treviso vanta grandi piatti, Gamberi di San Pol, Zuppa Coada, risotto al Radicchio Trevigiano tardivo, che identifica e rende celebre la città nel mondo.

A Belluno si gustano ottimi Formaggi di Malga, come lo Schiz, e le pietane si fanno più robuste: Minestrone con i Fagioli screziato di Lamon, Casunziei - tortelli di Rapa dell’Ampezzano conditi con burro fuso e semi di papavero - e cacciagione. La caccia trionfa anche nel Polesine e a Rovigo, dove la cucina è semplice e la polenta immancabile.

Il Veneto è anche terra di gran vini.
Amarone della Valpolicella, Arcole, Asolo, Bagnoli Friularo, Bardolino Superiore, Breganze, Colli di Conegliano, Colli Euganei, Montello, Piave, Recioto della Valpolicella, di Soave e di Gambellara, Soave Superiore, Torcolato, Prosecco di Conegliano, Valdobbiadene e dei Colli Asolani.

Dulcis in fundo: dolci di farina gialla, come Polentina di Cittadella, Pinza e Smegiassa, e l’ormai universale Tiramisù, la cui paternità è contesa con il Friuli, tra il “Tirimi su” di Tolmezzo e la “Coppa Vetturino Tìrime Su” di Gorizia. Fatto sta che a Treviso ogni anno si disputa il Tiramisù Day ed è in progetto un Museo dedicato.

L’appetito vien leggendo? Seguiteci nella prossima puntata ;)


#ViagginelGusto #DeRica #viaggioinitalia #RicetteDeRica